Navigo da cellulare

Menu di Anfablopir.com

-Archivio di tutte le gite (Home Page)
-L'Homo Appenninicus
-Libri e Cartine (in visualizzazione normale)
-In English


Altri itinerari


- stesso punto di partenza:

==


- stessa zona:

apri foto: Carmo di Loano
apri foto: Carmo di Loano
apri foto: Rocca Barbena
apri foto: San Pietro ai Monti

- stessa provincia:

elenco gite in provincia di Savona

gite in provincia di Savona (13)


- da Albenga a Capo Mele (traversata)
- Croce e Acuto (da Ceriale)
- Rocca dell'Adelasia (anello nel parco, da loc.Miera)
- Armetta (da Madonna del Lago)
- Rocca Barbena (dal Colle Scravaion, anello)
- Carmo di Loano (da Boissano)
- Carmo di Loano (dal Giogo di Toirano)
- Carmo di Loano (da Verzi)
- Castell'Ermo (da Curenna)
- Galero (dal Colle San Bernardo)
- Galero (da Vignolo, anello)
- Sciguelo (da Varazze, via Eremo del Deserto)
- S.Pietro ai Monti (da Boissano)

Guide e cartine


IGC n.15 A

Alpi Ligur

Alpi Marit

Feedback

lascia un tuo commento!

Lascia il tuo commento



Due parole su..

- scopo e oggetto del sito
- la scala delle difficoltà
- tempi, altimetria, dislivelli
- copyright e feedback
Vai alla pagina

Anfablopir.com



Oggetto e mission del sito

Le pagine dell'Homo Appenninicus sono un sottosito di Anfablopir.com.
Queste pagine sono dedicate alla montagna, e descrivono itinerari nell'area che va dalle Alpi Apuane fino al Monviso (o poco più a nord).
Si tratta di itinerari escursionistici sulle Alpi Apuane, sull'Appennino Ligure, e sulle Alpi Liguri, Marittime e Cozie.

Lo scopo di queste pagine è duplice:
1) ricordare, specie nelle piovose (o nevose) sere invernali, le belle giornate estive trascorse in montagna; e
2) rimettere in circolo materiale ed esperienze a disposizione di chi progetta di fare le cose che io ho già fatto. Per organizzare le mie escursioni ho usato talvolta informazioni prese in rete, mi sembra giusto contraccambiare come posso.

Tutte le gite descritte sono state da me realmente effettuate.
Ho cercato di essere accurato, ma la descrizione degli itinerari, i tempi di percorso e la valutazione delle difficoltà non sono da prendere per oro colato: a parte possibili errori, sono comunque riferite alle condizioni del terreno e atmosferiche di quel particolare momento, e in ogni caso soggettive. Senza contare che le prime gite descritte su questo sito risalgono ormai al 2004, e nel corso degli anni (anche pochi anni!) i sentieri possono cambiare.
Inutile dirlo, quindi, ma l'uso da parte vostra di quello che ho scritto è, mi spiace, a vostro rischio e pericolo!
Le descrizioni degli itinerari che trovate in questo sito non fanno venir meno la necessità di effettuare le escursioni muniti di cartine e di pubblicazioni ufficiali.
Per ogni itinerario descritto trovate i libri e le cartine che io ho usato, mentre per la lista generale di tutte le cartine e guide in mio possesso vi rimando alla pagina dei libri e delle cartine.

Scala delle difficoltà

Per il grado di difficoltà ho usato la classificazione in uso (per l'escursionismo: T, E, EE - per l'alpinismo: F, PD, etc).
Sinteticamente:
T = turistico; percorso su sterrati, mulattiere, comodi sentieri
E = escursionistico; itinerario su sentieri, tracce di passaggio, nevai residui, passaggi su tratti rocciosi brevi facili e non esposti. Consigliata carta topografica e mezzi tecnici di orientamento
EE = escursionisti esperti; itinerario su sentieri scoscesi, terreno impervio, nevai, passaggi su roccia tecnicamente non impegnativi. Necessaria carta topografica e mezzi tecnici di orientamento.
EEA= escursionisti esperti con attrezzatura alpinistica per il superamento di passaggi attrezzati, di vie ferrate. Nessuna ferrata è descritta sul sito.
F=facile; siamo al primo livello di classificazione dell'alpinisimo; questa è una valutazione che considera la salita nel suo complesso e non in base al singolo passaggio tecnico o al più difficile.
Tutte le escursioni di questo sito arrivano al massimo a F (fa eccezione il Monviso). Talvolta nelle mie valutazioni ho inserito dei gradi intermedi (es. "E / EE" oppure "EE / F") per dire che l'itinerario è tra l'escursionismo e l'escursionismo avanzato, oppure tra questo e l'alpinismo facile.
Molto spesso le le mie valutazioni coincidono con quelle ufficiali, che sono sempre riportate; da bravo homo appenninicus nelle descrizioni ho cercato di dettagliare al massimo le informazioni al riguardo. Dove mi è sembrato significativo ho cercato di riportare tutte le valutazioni disponibili.

Tempi, altimetria, dislivelli, e altro

I tempi di percorrenza, salvo diversamente indicato, si riferiscono al percorso di andata (tipicamente: parcheggio-vetta). A volte è riportato anche il ritorno o il tempo complessivo, specie in caso di giri ad anello. Le soste sono sempre escluse.
Ho indicato sempre i miei tempi di percorso, e ove disponibili anche quelli indicati dalle guide o dalle segnalazioni sul posto.
I tempi intermedi riportati sono sempre quelli che io ho registrato al mio passo, che generalmente in salita è un po' più rapido di quello "ufficiale".
Le altimetrie fornite sono quelle ufficiali. Se però trovate la parola "circa" (esempio: 2653 m circa), vuol dire che mi sono basato sul mio altimetro e quindi il dato è da considerare soltanto come indicazione di massima.
Salvo diversamente indicato, le gite sono state effettuate col bel tempo e nella stagione "adatta". Per ogni escursione è comunque indicato mese ed anno di salita.
I dislivelli indicati considerano il punto di partenza e il punto più alto toccato, senza tener conto di eventuali perdite di quota intermedie.

Copyright e feedback

Il materiale su queste pagine, testi e foto, è tutto "farina del mio sacco" ed è liberamente utilizzabile per scopi personali e non di lucro, ma sempre citando la fonte (anfablopir.com). Per ogni altro uso contattemi prima.
I feedback sono una cosa che incoraggiano molto il mantenimento e l'aggiornamento di un sito, pertanto vi prego di scrivermi se vi va, e se potete anche mettere un link al mio sito sulle pagine del vostro mi farà molto piacere. Grazie!
Gli aggiornamenti del sito avvengono man mano che faccio nuove escursioni, quindi tornate a vedere in "Archivio Gite" se la lista si è allungata!



Monte Carmo di Loano (1389 m)

dal Giogo di Toirano
provincia di Savona

In breve

Difficoltà: E
Punto di partenza: Giogo di Toirano
Dislivello: 582 m
Tempi:
Miei: 1.50-2.00 (con neve su tutto il percorso)
Ufficiali: 1.40-1.50 per la salita (paline e libro "CAI/TCI")
Data escursione: dicembre 2007


Premessa

Il Carmo di Loano (o di Finale) è accessibile da più versanti con percorsi assai diversi tra loro, sia dal punto di vista paesaggistico sia per lunghezza.
Qui è descritta la salita dal versante ovest della montagna, dal Giogo di Toirano.
Altri percorsi descritti su Anfablopir.com sono:
- la salita al Carmo dal versante sud/sud-est, partendo da Verzi, con percorso ad anello (leggi qui);
- la salita al Carmo dal versante sud, partendo da Boissano (leggi qui).

Accesso in auto

In auto: sulla autostrada A10 Genova - Ventimiglia uscire al casello di Borghetto Santo Spirito, quindi imboccare la SP n.60 in direzione di Toirano, Calizzano e Bardineto. Oltrepassato quasi subito Toirano, la strada si inerpica e, passato il centro di Carpe, raggiunge il Giogo di Toirano (807 m).
Lasciare l'auto o in un tornante subito prima che la strada inizi a scendere verso Bardineto e Calizzano, oppure subito dopo.
L'attacco del sentiero (Alta Via dei Monti di Liguri) è ben segnalato da paline e cartelli. Attenzione però che nei pressi partono vari sentieri: cercare quindi il consueto segnavia dell'Alta Via (rosso-bianco-rosso, talvolta con la scritta "AV" in campo bianco).


Itinerario

La gita segue fedelmente un tratto dell'Alta Via dei Monti Liguri (foto 1). Il percorso è quindi interamente ben segnalato, come detto, con segnavia bianco-rosso, a volte affiancato anche da due cerchi blu pieni. In alcuni tratti, più in alto, compare anche un segnavia biancoverde numerato, che tuttavia va trascurato.
Lasciata la strada asfaltata al Giogo di Toirano, si inizia subito con una salita in mezzo ad una rado bosco, proseguendo poi su sentiero che alterna tratti nel bosco e spazi aperti (foto 2); bei panorami si scorgono assai presto sia sulle Alpi Liguri sia sulla costa (foto 3).
Usciti dal bosco si segue per un po' il filo del crinale. Raggiunta quota 1215 m, ormai in vista della grande croce posta sulla vetta del Carmo (foto 4), si perde un po' quota scendendo ad una sella (foto 5).
Da quasta sella, ormai definitivamente al di fuori del bosco, si trascura un bivio a sinistra per la Colla di Giustenice e si attacca - sempre seguendo i segnavia bianco-rossi dell'AV - l'ultima ripida salita (foto 6) che in pochi minuti conduce in vetta al Carmo (1389 m)(1.50).
Dalla vetta il panorama è veramente magnifico. Noi abbiamo avuto la fortuna di trovare una giornata di sole con buona visibilità, che ci ha ripagato del maggiore sforzo dovuto al percorso sulla neve.
Abbiamo potuto ammirare tutto l'arco alpino, dal Rosa ed il Cervino fino al Monviso; le Marittime rimangono invece nascoste dietro le Liguri, sulle quali il Carmo è un balcone di prim'ordine: infatti si distinguono molto bene il Bric Mindino, l'Antoroto, il Mongioie ed il Pizzo d'Ormea (foto 7). Verso est il Galero e, molto più vicino, Rocca Barbena (foto 8).
Spettacolare la vista verso meridione e verso oriente: tutta la costa ligure, dall'isola della Gallinara (foto 9), alla striscia costiera così densamente abitata, da Albenga a Finale (foto 10); la vista spazia davvero lontano, su tutto il golfo di Genova, con in evidenza il promontorio di Portofino e, più lontane ma ben visibili, le Alpi Apuane. Essendo una giornata sufficientemente limpida, era visibile anche la Corsica.


Commento

Si tratta probabilmente della via più corta per salire al Carmo, ed è un'escursione di modesto impegno, sia per dislivello che per lunghezza.
Naturalmente con neve e ghiaccio la musica è un po' diversa. Noi abbiamo trovato neve dall'inizio alla fine del percorso, ma per fortuna abbiamo potuto seguire quasi sempre le orme di chi ci aveva preceduto e i tratti ghiacciati erano pochi.
Dato che di per sé il percorso non è particolarmente interessante, scegliete una bella giornata per poter apprezzare appieno il grandioso panorama che il Carmo offre.


Attenzione!

La descrizione di questo itinerario risale ormai a parecchi anni fa e non verrà più aggiornata. Nel frattempo, però, i luoghi, le vie di accesso ed i sentieri potrebbero essere cambiati.
Anfablopir.com non si assume comunque alcuna responsabilità per l'esattezza delle informazioni riportate su questa pagina.
Chiunque ne fa uso, lo fa ovviamente a proprio rischio e pericolo.


Cartina


Cartina schematica della zona del Carmo di Loano

Cartina schematica della zona del Carmo di Loano

Galleria

foto n.1

Salendo dal Giogo di Toirano verso il Carmo di Loano: ometto col segnavia dell’Alta Via dei Monti Liguri. Sullo sfondo, al centro della foto, spiccano da sinistra a destra: Galero, Pizzo d’Ormea, Mongioie  e Antoroto

1. Salendo dal Giogo di Toirano verso il Carmo di Loano: ometto col segnavia dell’Alta Via dei Monti Liguri. Sullo sfondo, al centro della foto, spiccano da sinistra a destra: Galero, Pizzo d’Ormea, Mongioie e Antoroto

foto n.2

Il sentiero dal Giogo di Toirano per il Carmo segue per intero l’Alta Via dei Monti Liguri

2. Il sentiero dal Giogo di Toirano per il Carmo segue per intero l’Alta Via dei Monti Liguri

foto n.3

Zoom dal sentiero per il Carmo sulle Alpi Liguri innevate: da sinistra a destra: Galero, Pizzo d’Ormea, Mongioie  e Antoroto

3. Zoom dal sentiero per il Carmo sulle Alpi Liguri innevate: da sinistra a destra: Galero, Pizzo d’Ormea, Mongioie e Antoroto

foto n.4

Le pendici occidentali e la vetta del Carmo viste dal sentiero proveniente dal Giogo di Toirano

4. Le pendici occidentali e la vetta del Carmo viste dal sentiero proveniente dal Giogo di Toirano

foto n.5

Un tratto del crinale ove si perde quota (foto presa con le spalle alla vetta del Carmo di Loano)

5. Un tratto del crinale ove si perde quota (foto presa con le spalle alla vetta del Carmo di Loano)

foto n.6

La grossa croce di vetta del Carmo di Loano, con l’ultima salita sul versante ovest

6. La grossa croce di vetta del Carmo di Loano, con l’ultima salita sul versante ovest

foto n.7

Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso nord-ovest sulla piana di Bardineto. Alle spalle le Liguri, con Galero, Pizzo d’Ormea, Mongioie, Antoroto e Bric Mindino. Lontano, sulla destra, il Monviso

7. Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso nord-ovest sulla piana di Bardineto. Alle spalle le Liguri, con Galero, Pizzo d’Ormea, Mongioie, Antoroto e Bric Mindino. Lontano, sulla destra, il Monviso

foto n.8

Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso ovest con in primo piano Rocca Barbena

8. Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso ovest con in primo piano Rocca Barbena

foto n.9

Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso sud-ovest sulla costa ligure, con in evidenza l’isola della Gallinara

9. Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso sud-ovest sulla costa ligure, con in evidenza l’isola della Gallinara

foto n.10

Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso sud-est sulla costa ligure, verso Borgio Verezzi ed il Finalese.

10. Dalla vetta del Carmo di Loano, panorama verso sud-est sulla costa ligure, verso Borgio Verezzi ed il Finalese.


Gite nella stessa zona:

Carmo di Loano (da Verzi)
Carmo di Loano (da Boissano)
Rocca Barbena (da Colle Scravaion)
San Pietro ai Monti (da Boissano)

Tutte le Gite di Anfablopir.com:

Vai all'Archivio di tutte le gite (Home Page)