Navigo da cellulare

Menu di Anfablopir.com

-Archivio di tutte le gite (Home Page)
-L'Homo Appenninicus
-Libri e Cartine (in visualizzazione normale)
-In English


Altri itinerari


- stesso punto di partenza:

==


- stessa zona:

apri foto: Alfeo
apri foto: Alfeo e Carmo
apri foto: Ebro
apri foto: Ebro (Giro delle 12 fontane)
apri foto: Ebro e Chiappo
apri foto: Giarolo
apri foto: Giarolo
apri foto: Lesima
apri foto: Varzi - Monte Antola (traversata)

- stessa provincia:

elenco gite in provincia di Alessandria

gite in provincia di Alessandria (11)


- Alfeo e Carmo (da Capanne di Carrega)
- Cavalmurone e Legną (da Daglio, anello)
- Ebro (da Cabella Ligure via Pobbio)
- Ebro e Chiappo (da Piuzzo)
- Ebro e Giarolo (da Capanne di Cosola)
- Ebro - Giro delle 12 Fontane (da Piuzzo)
- Giarolo (da Cantalupo Ligure)
- Giarolo (da Giarolo)
- Tobbio (dai Laghi della Lavagnina, via Colla degli Eremiti)
- Tobbio (da Ponte Nespolo, anello)
- Tobbio (da Voltaggio)

Guide e cartine


Cartina de

Feedback

lascia un tuo commento!

Lascia il tuo commento



Due parole su..

- scopo e oggetto del sito
- la scala delle difficoltą
- tempi, altimetria, dislivelli
- copyright e feedback
Vai alla pagina

Anfablopir.com



Oggetto e mission del sito

Le pagine dell'Homo Appenninicus sono un sottosito di Anfablopir.com.
Queste pagine sono dedicate alla montagna, e descrivono itinerari nell'area che va dalle Alpi Apuane fino al Monviso (o poco pił a nord).
Si tratta di itinerari escursionistici sulle Alpi Apuane, sull'Appennino Ligure, e sulle Alpi Liguri, Marittime e Cozie.

Lo scopo di queste pagine è duplice:
1) ricordare, specie nelle piovose (o nevose) sere invernali, le belle giornate estive trascorse in montagna; e
2) rimettere in circolo materiale ed esperienze a disposizione di chi progetta di fare le cose che io ho già fatto. Per organizzare le mie escursioni ho usato talvolta informazioni prese in rete, mi sembra giusto contraccambiare come posso.

Tutte le gite descritte sono state da me realmente effettuate.
Ho cercato di essere accurato, ma la descrizione degli itinerari, i tempi di percorso e la valutazione delle difficoltà non sono da prendere per oro colato: a parte possibili errori, sono comunque riferite alle condizioni del terreno e atmosferiche di quel particolare momento, e in ogni caso soggettive. Senza contare che le prime gite descritte su questo sito risalgono ormai al 2004, e nel corso degli anni (anche pochi anni!) i sentieri possono cambiare.
Inutile dirlo, quindi, ma l'uso da parte vostra di quello che ho scritto è, mi spiace, a vostro rischio e pericolo!
Le descrizioni degli itinerari che trovate in questo sito non fanno venir meno la necessità di effettuare le escursioni muniti di cartine e di pubblicazioni ufficiali.
Per ogni itinerario descritto trovate i libri e le cartine che io ho usato, mentre per la lista generale di tutte le cartine e guide in mio possesso vi rimando alla pagina dei libri e delle cartine.

Scala delle difficoltą

Per il grado di difficoltà ho usato la classificazione in uso (per l'escursionismo: T, E, EE - per l'alpinismo: F, PD, etc).
Sinteticamente:
T = turistico; percorso su sterrati, mulattiere, comodi sentieri
E = escursionistico; itinerario su sentieri, tracce di passaggio, nevai residui, passaggi su tratti rocciosi brevi facili e non esposti. Consigliata carta topografica e mezzi tecnici di orientamento
EE = escursionisti esperti; itinerario su sentieri scoscesi, terreno impervio, nevai, passaggi su roccia tecnicamente non impegnativi. Necessaria carta topografica e mezzi tecnici di orientamento.
EEA= escursionisti esperti con attrezzatura alpinistica per il superamento di passaggi attrezzati, di vie ferrate. Nessuna ferrata è descritta sul sito.
F=facile; siamo al primo livello di classificazione dell'alpinisimo; questa č una valutazione che considera la salita nel suo complesso e non in base al singolo passaggio tecnico o al pił difficile.
Tutte le escursioni di questo sito arrivano al massimo a F (fa eccezione il Monviso). Talvolta nelle mie valutazioni ho inserito dei gradi intermedi (es. "E / EE" oppure "EE / F") per dire che l'itinerario č tra l'escursionismo e l'escursionismo avanzato, oppure tra questo e l'alpinismo facile.
Molto spesso le le mie valutazioni coincidono con quelle ufficiali, che sono sempre riportate; da bravo homo appenninicus nelle descrizioni ho cercato di dettagliare al massimo le informazioni al riguardo. Dove mi è sembrato significativo ho cercato di riportare tutte le valutazioni disponibili.

Tempi, altimetria, dislivelli, e altro

I tempi di percorrenza, salvo diversamente indicato, si riferiscono al percorso di andata (tipicamente: parcheggio-vetta). A volte è riportato anche il ritorno o il tempo complessivo, specie in caso di giri ad anello. Le soste sono sempre escluse.
Ho indicato sempre i miei tempi di percorso, e ove disponibili anche quelli indicati dalle guide o dalle segnalazioni sul posto.
I tempi intermedi riportati sono sempre quelli che io ho registrato al mio passo, che generalmente in salita è un po' più rapido di quello "ufficiale".
Le altimetrie fornite sono quelle ufficiali. Se perņ trovate la parola "circa" (esempio: 2653 m circa), vuol dire che mi sono basato sul mio altimetro e quindi il dato è da considerare soltanto come indicazione di massima.
Salvo diversamente indicato, le gite sono state effettuate col bel tempo e nella stagione "adatta". Per ogni escursione è comunque indicato mese ed anno di salita.
I dislivelli indicati considerano il punto di partenza e il punto più alto toccato, senza tener conto di eventuali perdite di quota intermedie.

Copyright e feedback

Il materiale su queste pagine, testi e foto, è tutto "farina del mio sacco" ed è liberamente utilizzabile per scopi personali e non di lucro, ma sempre citando la fonte (anfablopir.com). Per ogni altro uso contattemi prima.
I feedback sono una cosa che incoraggiano molto il mantenimento e l'aggiornamento di un sito, pertanto vi prego di scrivermi se vi va, e se potete anche mettere un link al mio sito sulle pagine del vostro mi farà molto piacere. Grazie!
Gli aggiornamenti del sito avvengono man mano che faccio nuove escursioni, quindi tornate a vedere in "Archivio Gite" se la lista si è allungata!



Monte Cavalmurone e Monte Legną

da Daglio via Capanne di Cosola - anello
valle Borbera, provincia di Alessandria

In breve

Difficoltą: E
Punto di partenza: Daglio
Dislivello: 726 m circa, oltre a vari saliscendi
Tempi:
Miei: complessive 6.45 (2.45 da Daglio al Monte Legną, 4.00 per scendere a Capanne di Cosola e chiudere l'anello via Montaldo di Cosola)
Ufficiali: non conosciuti
Data escursione: marzo 2008


Premessa

Partendo da Daglio (val Borbera), si risale il crinale occidentale del M.Legną fino a raggiungere la costiera Cosola-Monte Antola; si toccano in breve le vette dei monti Legną e Cavalmurone, per poi scendere a Capanne di Cosola; di qui, con sentiero in costa, si sale fin quasi sotto il monte Ebro, prima di scendere decisamente a Montaldo di Cosola. Dal paese uno sterrato nel bosco riporta a Daglio.
Il percorso č segnato solo in parte (vedi commento).

Accesso in auto

Sull'Autostrada A7 Genova-Milano, si esce al casello di Arquata Scrivia / Vignole Borbera, in provincia di Alessandria. Usciti dal casello si prende a destra la strada per la Val Borbera.
Dopo circa 23 km, la strada provinciale arriva a Cabella Ligure (474 m slm).
Proseguire ancora fino al bivio per Daglio e le Capanne di Carrega: prendere allora a destra, lasciando la strada che prosegue per Capanne di Cosola.
Subito dopo il bivio, un'altra deviazione a sinistra č indicata per Daglio. Ha inizio una stradina asfaltata che sale stretta e ripida fino al paese di Daglio (944 m)(foto 1). Lasciare l'auto nello spiazzo (con parcheggio) alla fine del paese.


Itinerario

Itinerario
Dal parcheggio si comincia a camminare sull'asfalto oltre il paese.
La vista di una X gialla, su un muro pochi metri prima del parcheggio, fa pensare di essere sulla giusta strada; ma noi, risaliti un paio di tornanti, non vedendo altri segni o indicazioni di sorta abbiamo abbandonato la strada asfaltata che prosegue in salita verso destra per prendere a sinistra (grosso modo, verso nord) una stradina asfaltata che passa in costa al di sopra del paese. (Non escludo che, restando sulla strada, prima o poi si giunga allo stesso punto del crinale a quota 1295 m circa; vedi poco oltre).
Comunque, presa invece la stradina di sinistra, si arriva - proprio sopra le ultime case del paese - ad una cappelletta, dove si trovano altri segni (due triangoli gialli vuoti).
Da qui ha inizio uno sterrato che prosegue in costa in moderata salita; lo si segue fino a che si biforca (0.35)(1050 m circa): il ramo di sinistra (č la strada del ritorno) pochi metri oltre offre una bella veduta d'infilata sulla val Borbera (foto 14); noi prendiamo invece il ramo di destra (nessun segnavia), uno stradone che sale gradualmente, a tratti in mezzo al bosco.
Si raggiunge cosģ il crinale (1.10)(1295 m circa), che ci offre, per la prima volta, una bella vista verso nord sull'Ebro e sul versante delle Capanne di Cosola (foto 2).
E' proprio a questo punto che dobbiamo abbandonare lo sterrato, e prendere un'esile traccia che sale fedelmente lungo il crinale (foto 3). Fare molta attenzione perché non c'č nessuna segnalazione (se vi trovate a scendere sullo stradone, sull'altro versante, e incontrate dopo non molto una evidente biforcazione, siete fuori strada).
La traccia dunque sale lungo il crinale, per fortuna ben battuta anche se non segnata (difficile perņ seguirla con neve sul terreno); oltrepassata un'ampia radura erbosa (foto 4), dopo circa venti minuti di salita, compaiono miracolosamente i segni (X gialla) (1.30)(1445 m).
Il bel sentiero passa nel bosco, sul versante meridionale del monte Porreio (1533 m), raggiungendo (1.40)(1480 m circa) un primo punto di vista sulla catena, dall'Antola ai pił vicini Poggio Rondino (1630 m) e Carmo (1640 m).
Si esce quindi allo scoperto, percorrendo un lungo tratto molto panoramico che conduce (2.15)(1570 m circa) ai piedi dell'anticima del monte Legną (foto 5). Da qui si puņ risalire direttamente, costeggiando delle recinzioni, il ripidissimo pendio fino a raggiungere l'anticima e da qui, per cresta, guadagnare la vetta del Legną; tuttavia la presenza di neve rende il percorso in cresta un po' delicato; noi pertanto abbiamo preferito seguire l'evidente traccia (di nuovo nessun segnavie) che gira con bel percorso attorno alle pendici meridionali del monte (foto 6).
Completato il mezzo-giro attorno ad anticima e cima, se c'č buona visibilitą si vede chiaramente la larga traccia che risale verso la vetta, che poi č la via della dorsale Antola-Capanne di Cosola, per fortuna tutta segnata con segnavia bianco-rosso e con un altro segno blu.
Per raggiungerla si puņ prendere una breve scorciatoia risalendo diritto (verso est) fino ad incontrare (2.35) delle recinzioni (le recinzioni tra l'altro costeggiano quasi costantemente il largo sentiero, almeno nel tratto di qui a Capanne di Cosola, per cui con scarsa visibilitą possono essere utili come punti di riferimento).
In dieci minuti, risalita un'ultima rampa in direzione nord, il sentiero di dorsale arriva ad un colletto, dal quale una deviazione di pochi metri a sinistra porta alla piccola croce di vetta del Monte Legną (1669 m)(2.45 da Daglio).
Da qui splendidi panorami a 360°; dei monti vicini, verso ovest, merita una menzione speciale l'elegante Alfeo (foto 7) e, pił lontano, l'Aiona; nella stessa catena del Legną, verso sud, Carmo e Antola (foto 8). Sul versante settentrionale, si va dal vicino Cavalmurone (foto 9) a Cosola, fino alla costiera di Chiappo ed Ebro (foto 10). A est e sud est la vista spazia lontano: dietro le ben distinguibili Rocche del Reo Passo e il monte Reale, il gruppo di Figne e Tobbio; e il mare, con il promontorio di Capo Mele. Naturalmente anche le Alpi, ma in giornate migliori della nostra.

Ritorno

Dalla vetta del Legną si continua in direzione nord verso le Capanne di Cosola, e seguendo il sentiero di dorsale (segnavia biancorosso) dopo un saliscendi si raggiunge il vicino Monte Cavalmurone (0.10)(1670 m), privo di croce o segnale di vetta; da qui con percorso in discesa, tutto allo scoperto tranne l'ultimo pezzetto nel bosco, si raggiunge l'asfalto e le Capanne di Cosola (1.05)(1496 m)(albergo, ristorante e bar).
All'epoca della nostra gita tutti i ripidi versanti esposti a nord erano ancora ben innevati (foto 11) e per questo la nostra discesa č stata un po' pił lunga dell'ordinario, ma mai difficile o pericolosa.
Alle Capanne di Cosola stacca, dalla parte opposta all'albergo (foto 12), lato val Borbera, una stradina in salita segnalata con un pannello in legno e vari segnavie: bianco-rosso, un rombo blu, due cerchi gialli pieni, e un quadrato giallo pieno, quest'ultimo quello che ci serve per scendere a Montaldo di Cosola.
Il percorso si tiene piuttosto in alto; dopo un quarto d'ora (1.20 dal Legną) si incontra una deviazione a destra per il Rifugio del Monte Chiappo; poi il sentiero si addentra nel bosco, raggiunge una bella fonte, e dopo vari passaggi nel bosco sbuca allo scoperto, in vista del (non molto distante) Monte Ebro. Fin qui il percorso č molto ben segnato, con tutti i segni che a turno compaiono su tronchi o grossi massi.
Proseguendo, perņ, noi abbiamo finito col perdere il quadrato giallo, forse complice la neve sul terreno; e dato che il sentiero si teneva un po' troppo in alto, abbiamo deciso di abbandonare la traccia segnalata per raggiungere al meglio (2.00) una non distante strada sterrata che taglia in costa la montagna con percorso semi-pianeggiante. Sulla sterrata abbiamo incontrato di nuovo il nostro segno, ma con segnalazioni sporadiche e confuse. Col senno di poi basta sapere che, arrivati alla strada sterrata, non segnata (neppure sulla mia cartina), la si segue sulla sinistra; presto inizia a scendere, e porta abbastanza velocemente (2.25) sulla strada asfaltata che da Capanne di Cosola scende verso valle.
Noi comunque siamo restati sull'asfalto solo per poche centinaia di metri; abbiamo infatti trovato ben presto una prima evidente scorciatoia che ci ha fatto tagliare un paio di tornanti; di nuovo sulla strada, ecco immediatamente una seconda scorciatoia, che con lungo percorso tutto lontano dalla strada scende direttamente e rapidamente a Montaldo di Cosola (906 m)(3.00).
A Montaldo di Cosola (foto 13) si individua l'albergo ristorante Alpino, nei cui pressi si trovano i segni (due triangoli gialli) che poi si ripetono sui muri delle case, e che ci devono accompagnare fino a Daglio; si esce dal paese passando sotto una specie di archivolto, e si scende sempre su strada fino a passare sopra un ponte.
Subito dopo il ponte la strada inizia a salire; un'altra strada - pił piccola - stacca invece da quella principale sulla destra, in discesa; non c'č nessun segno, eppure č proprio questa stradina in discesa sulla destra che porta a Daglio; incredibilmente, il segnavia compare solo decine di metri dopo, su una piccola costruzione appartenente all'acquedotto!
Presa questa strada in discesa, che dopo un po' comincia a salire moderatamente, la si segue nel bel tracciato attraverso il bosco.Si incontrano altri due bivii insidiosi, naturalmente non segnati (il segnavia riappare sempre, ma solo moltissimo tempo dopo il bivio; a volte sbiadito, su alberi). In entrambi i casi occorre prendere il ramo di sinistra, che sale.
Dopo un'ora circa da Montaldo (4.00) si arriva, sempre su stradone, al primo bivio dell'andata (1050 m circa)(foto 14), e da qui si ridiscende in un'altra mezz'ora a Daglio e all'auto (4.30 dalla vetta del Legną).


Commento

L'escursione č faticosa e lunga, e insidiosa per il tracciato non o mal segnalato. Eppure č un percorso molto molto bello, che merita davvero di essere fatto, appenninico al cento per cento.
Le vette raggiunte sono sģ tutto sommato trascurabili, ma sono in realtą un pretesto per fare un anello che risulta molto remunerativo sia come panorama che come itinerario; volendo potrebbe essere raggiunto anche l'Ebro, sulla via del ritorno; anche se la gita gią cosģ č parecchio lunga.
Una nota esplicita va fatta sull'orientamento e lo stato di segnalazione dei sentieri. Noi, che - mi sento di dire - non siamo proprio alle prime armi, ci siamo persi tre volte, camminando 2 ore e 30 in pił rispetto alle 6 e 45 indicate, arrivando a Daglio col buio (fortuna che era appena scattata l'ora legale!).
Particolarmente scandaloso come (non) č segnalato il percorso tra Montaldo di Cosole e Daglio (due triangoli gialli), soprattutto incredibile la mancata segnalazione del primo bivio in discesa.
Ma insidiosa č l'assenza di segni un po' lungo tutto il percorso, perché le strade sbagliate continuano tutte in direzioni credibili; e questo, soprattutto quando si cammina nel bosco, si capisce, č un guaio.
Basterebbero quattro segni di vernice in pił, ma proprio quattro di numero, per rendere l'intero itinerario fruibile e godibile pił facilmente; anche perché i sentieri sono comunque poi ben battuti.
Anche come cartine siamo messi piuttosto male; a quanto ne so, la zona non č coperta né dalla serie IGC né da quella Multigraphic; sia la cartina in mio possesso (1:50000, della Comunitą Montana), sia quella (1:30000) affissa nei vari pannelli (es. a Capanne di Cosola) secondo me non sono di grande aiuto, ma comunque meglio di niente; gią, perchč se non si ha neppure una di queste cartine č meglio cambiare gita.
Con cartina, invece, ma se si ha un po' di spirito di avventura, e molta pazienza, il tracciato si trova.


Attenzione!

La descrizione di questo itinerario risale ormai a parecchi anni fa e non verrą pił aggiornata. Nel frattempo, perņ, i luoghi, le vie di accesso ed i sentieri potrebbero essere cambiati.
Anfablopir.com non si assume comunque alcuna responsabilitą per l'esattezza delle informazioni riportate su questa pagina.
Chiunque ne fa uso, lo fa ovviamente a proprio rischio e pericolo.


Cartina


Cartina schematica della zona dell'alta val Borbera

Cartina schematica della zona dell'alta val Borbera

Galleria

foto n.1

Daglio

1. Daglio

foto n.2

Panorama sulla costiera dell’Ebro dal crinale del monte Porreio

2. Panorama sulla costiera dell’Ebro dal crinale del monte Porreio

foto n.3

Raggiunto il crinale del Porreio, un’esile traccia non segnalata (nella foto, indicata dalla freccia rossa) stacca sulla destra verso il monte Legną

3. Raggiunto il crinale del Porreio, un’esile traccia non segnalata (nella foto, indicata dalla freccia rossa) stacca sulla destra verso il monte Legną

foto n.4

Salendo verso il monte Legną lungo il crinale del monte Porreio

4. Salendo verso il monte Legną lungo il crinale del monte Porreio

foto n.5

Ai piedi dell’anticima del monte Legną: si vede bene la traccia che sale direttamente, e quella – da noi seguita – che va a destra aggirando il monte

5. Ai piedi dell’anticima del monte Legną: si vede bene la traccia che sale direttamente, e quella – da noi seguita – che va a destra aggirando il monte

foto n.6

Il versante meridionale del monte Legną, con il sentierino che ne taglia in costa le pendici e va a raggiungere la dorsale Antola-Capanne di Cosola

6. Il versante meridionale del monte Legną, con il sentierino che ne taglia in costa le pendici e va a raggiungere la dorsale Antola-Capanne di Cosola

foto n.7

L’Alfeo dal monte Legną

7. L’Alfeo dal monte Legną

foto n.8

Panorama verso sud dal monte Legną: spiccano l’Antola (estrema destra) e il Carmo (che spunta dietro il Poggio Rondino)

8. Panorama verso sud dal monte Legną: spiccano l’Antola (estrema destra) e il Carmo (che spunta dietro il Poggio Rondino)

foto n.9

Il Cavalmurone, con dietro il Lesima, visti dal monte Legną

9. Il Cavalmurone, con dietro il Lesima, visti dal monte Legną

foto n.10

Ebro e Chiappo dal monte Legną

10. Ebro e Chiappo dal monte Legną

foto n.11

Il versante settentrionale del monte Legną, ancora innevato, con parte del nostro percorso verso le Capanne di Cosola

11. Il versante settentrionale del monte Legną, ancora innevato, con parte del nostro percorso verso le Capanne di Cosola

foto n.12

Le Capanne di Cosola

12. Le Capanne di Cosola

foto n.13

Montaldo di Cosola e l’Ebro

13. Montaldo di Cosola e l’Ebro

foto n.14

Scorcio della val Borbera all’imbrunire, vista dal bivio sopra Daglio

14. Scorcio della val Borbera all’imbrunire, vista dal bivio sopra Daglio


Gite nella stessa zona:

Alfeo (da Campi, fraz di Ottone)
Alfeo e Carmo (da Capanne di Carrega)
Ebro (da Cabella Ligure via Pobbio)
Ebro (Giro delle 12 fontane) (da Piuzzo)
Ebro e Chiappo (da Piuzzo)
Giarolo (da Giarolo)
Giarolo (da Cantalupo Ligure)
Lesima (da Colletta, sopra il Brallo)
Varzi - Monte Antola (traversata) (da Varzi)

Tutte le Gite di Anfablopir.com:

Vai all'Archivio di tutte le gite (Home Page)